Il museo

Al piano superiore in uno spazio espositivo di 570mq si svela l’arte di Antonio Brizzolari.

L’artista riusciva a stupire in modo naturale, con le sue affermazioni fulminanti, con le sue opere sconvolgenti per intensità e uso magistrale del colore. Antonio comunicava la sua arte anche attraverso quello che lui stesso aveva definito "vestitismo", ovvero gli originali capi che indossava e che sapientemente trasformava in vere e proprie opere.

Si tratta dunque di un cammino nell’animo di un uomo che ha vissuto fuori da qualsiasi schema della società, che ha lottato con intensità e convinzione contro il capitalismo spietato, contro l’ipocrisia della chiesa, contro la politica corrotta, contro il conformismo borghese e soprattutto contro “la cattiveria e il sudiciume degli uomini”.

Per questo l’esposizione è caratterizzata inizialmente da un percorso obbligato il cui scopo è quello di far comprendere prima l’ideologia che si trova in ogni opera di Antonio Brizzolari; il visitatore così potrà perdere gli orientamenti

Al piano superiore in uno spazio espositivo di 570mq si svela l’arte di Antonio Brizzolari.

L’artista riusciva a stupire in modo naturale, con le sue affermazioni fulminanti, con le sue opere sconvolgenti per intensità e uso magistrale del colore. Antonio comunicava la sua arte anche attraverso quello che lui stesso aveva definito "vestitismo", ovvero gli originali capi che indossava e che sapientemente trasformava in vere e proprie opere.

Si tratta dunque di un cammino nell’animo di un uomo che ha vissuto fuori da qualsiasi schema della società, che ha lottato con intensità e convinzione contro il capitalismo spietato, contro l’ipocrisia della chiesa, contro la politica corrotta, contro il conformismo borghese e soprattutto contro “la cattiveria e il sudiciume degli uomini”.

Per questo l’esposizione è caratterizzata inizialmente da un percorso obbligato il cui scopo è quello di far comprendere prima l’ideologia che si trova in ogni opera di Antonio Brizzolari; il visitatore così potrà perdere gli orientamenti

La biblioteca

Il museo al suo interno accoglie la biblioteca con un’importante e preziosa collezione di 250 libri, sulla pittura di tutto il mondo e di tutte le epoche. L’interazione, la consultazione, la restituzione del vissuto artistico sui libri, contribuiscono allo sviluppo di importanti stimoli nei

visitatori; questi stimoli possono essere espressi nell’immediatezza grazie alla presenza di uno spazio allestito con tavoli di lavoro che conferiscono alla parte museale fini non solo espositivi.