Antonio

Di Giuseppe Brizzolari

Nato a Firenze il 7 gennaio 1941, figlio di Carlo Brizzolari e Giulia Biagiolini. Da bambino visitava la Galleria degli Uffizi e altri musei di Firenze quasi ogni domenica con suo padre e suo fratello. Nasce così la sua passione per l'arte.

 

Ha trascorso gli anni dell'adolescenza nel Quartiere Oltrarno con gli amici Vito Vacchi, Gilberto Corretti, Marco Marchiani, Fabio Lastrucci e Gianni Sernissi, andando alle feste, incontrando ragazze e facendo gite in barca sul fiume Arno.

 

Successivamente, Antonio frequenta l'Istituto d'Arte Porta Romana dove dedica la maggior parte dei suoi studi al disegno e alla pittura. Alcuni dei suoi compagni di scuola erano Aldo Fallai, Alessandro Goggioli, Marco Marchiani, Antonio Roma, Sergio Staino, Mario Strippini. Conseguito il diploma si iscrive al Magistero per l'abilitazione all'insegnamento. Brizzolari ha incontrato molti artisti, fotografi e gruppi, tra cui Archizoom.

Dal 1968 al 1970 ha vissuto personalmente i disordini e le perturbazioni di quegli anni turbolenti. È stato arrestato con l'accusa di aver preso parte a una riunione sediziosa e di aver opposto resistenza a funzionari pubblici.

 

In questo periodo si dedica anche al teatro sperimentale e all'happening con i suoi vecchi amici. Conosce Sandro Chia, anche lui ex allievo dell'Istituto d'Arte Porta Romana, e insieme entrano a far parte della pinacoteca della marchesa Camillo d'Afflitto, dove espongono le loro opere e dove Antonio inizia a parlare di "vestitismo".

Lui stesso era più di un artista. Ha insegnato disegno e storia dell'arte in alcune scuole medie di Firenze e di altre zone limitrofe. Allo stesso tempo, frequentava il Bar Manetto con artisti, autori e attivisti culturali dei movimenti di protesta della fine degli anni '60.

 

Ampliando il suo portfolio, Antonio ha scritto il racconto "L'assassino e il suo pigiama", ora disponibile per la vendita. Viveva nella zona dell'Arco di San Pierino in una sorta di comune insieme ad altri cacciatori del noto Bar Daria.

 

Negli anni Ottanta, dopo un paio di vicende amorose travagliate, si lascia coinvolgere da Anna Calidi, una donna con cui ha passato 10 anni e con cui ha convissuto. Dopo che la relazione si è conclusa a causa del suo stile di vita esagerato, Antionio è tornato nella casa di famiglia.

 

Dopo un tentativo di incendio doloso nel suo appartamento, iniziato da lui stesso come tentativo di distruggere il suo peggio, è stato mandato nella sua prima casa di riposo, San Salvi, dove ha vissuto dal 1997 al 2008, partecipando regolarmente ai laboratori creativi del laboratorio "La Tinaia". Dopo la chiusura della struttura nel 2009, si è trasferito in un'altra abitazione dove ha trascorso il resto della sua vita, insegnando e disegnando fino alla sua scomparsa, il 24 febbraio 2016.